DARE UN SENSO ALLE VOCI: L'IMPATTO DEL TRAUMA

CONVEGNO
L’evento è gratuito e rivolto a professionisti, operatori, studenti, uditori e familiari.
Iscrizione tramite email a alechelucci@msn.com

22 giugno 2018 | MUSEO DI STORIA NATURALE, via Roma 234, Livorno

“Prima di comprendere come le voci siano correlate a certi traumi, occorre accettare che le voci per prime siano esse stesse traumi. Perché dove le voci sono causa di sofferenza, prima ancora di essere voci sono traumi” (Cristina Contini, Sentire le voci)

Sentire le voci può essere un’esperienza annientante, dove il terrore di perdere il controllo e la propria identità diventano l’unica realtà percepibile. Che cosa sono le voci e cosa fa sì che si insinuino nella vita di un uditore? A questa domanda non esiste certo una risposta univoca. Ogni uditore è il custode delle risposte, chiuse nelle stanze più segrete e nascoste del suo essere. Trovare le chiavi per ognuna di queste porte e far sì che sia l’uditore stesso ad aprirle significa ‘dare un senso alle voci’. Nel processo di scoperta del significato delle voci, l’uditore si trova ad affrontare emozioni e ricordi ripudiati, tenuti a distanza e disconosciuti. Le voci diventano le voci del trauma, il passato che torna a tormentare il presente in una veste inquietante e sconosciuta.

L’evento è gratuito e rivolto a professionisti, operatori, studenti, uditori e familiari.

RELATORI

  • Cristina Contini | Presidente dell’Associazione Sentire le Voci
  • Davide Salvarani | vice Presidente dell’Associazione Sentire le Voci
  • Francesca Fabbiani | staff Associazione Sentire le Voci
  • Alessandra Chelucci |psicologa-psicoterapeuta
  • Valeria Volpe | counsellor e mediatore familiare


Dott.ssa Alessandra Chelucci (responsabile organizzativo)
alechelucci@msn.com
cell. 3775411084

Locandina

PSICOPATIA E SCIENZE FORENSI: MITI ED ERRORI INVESTIGATIVI

La Psicopatia e la sua valutazione: Aspetti Clinici, Psicopatologici e Criminologici

WORKSHOP
10, 5 ECM e 6 crediti per Avvocati

22 gennaio 2016 – Grosseto

Il workshop, a carattere spiccatamente interattivo ed esperienziale, sarà condotto dal Dott. L.P. Luini, PhD e dalla Dott.ssa C. Camerani, docenti esperti nella somministrazione e analisi della Psychopathy Checklist Revised di Robert Hare (PCL-R).
La Dott.ssa C. Camerani, docente del Master in Criminologia all’Istituto Universitario Salesiano di Venezia e Mestre, direttrice del Cepic di Roma, e il Dott. L.P. Luini, PhD in Psicologia Cognitiva, Psicofisiologia e Personalità sono stati formati direttamente dal Prof. Robert Hare, massimo esperto sulla Psicopatia e creatore della PCL-R.
Il workshop, della durata di un’intera giornata (9.30-18.30), si pone l’obiettivo di approfondire nei partecipanti la conoscenza dei tratti della personalità psicopatica, di far acquisire le competenze di base sull’utilizzo degli strumenti di valutazione della psicopatia (PCL-R) e fornire strategie per la gestione del colloquio con soggetti dalla personalità psicopatica.
I contenuti del workshop saranno presentati con l’ausilio di video e le competenze acquisite verranno consolidate da esercitazioni pratiche.

Il workshop è rivolto a psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, criminologi, avvocati, assistenti sociali, professionisti della salute mentale e studenti specializzandi nelle rilevanti discipline. Costi: entro il 20.12.2015 €75,00 + IVA (€91,50 IVA inclusa)
Oltre il 20.12.2015 €90,00 + IVA (€109,80 IVA inclusa)
Per studenti e partecipanti che non usufruiscono dei crediti ECM o dei crediti per Avvocati €70,00 (IVA inclusa)


*Il Workshop è gratuito per gli Avvocati degli Ordini di Grosseto, Siena e Arezzo
Il pagamento può essere effettuato tramite bonifico bancario o dal 1 dicembre tramite il pulsante di Paypal che troverete qua sotto.

Per l'iscrizione inviare i propri dati comprensivi di nome, cognome, indirizzo, cod fiscale o partita iva, professione, ordine di appartenenza, email e telefono, e se vuole prenotare il pranzo all hotel
Per informazioni sul pagamento e sul programma del Workshop consultare la locandina in allegato.

Tipologia di iscrizione


Dott.ssa Alessandra Chelucci (responsabile organizzativo)
alechelucci@msn.com
cell. 3775411084

Locandina

Codice Rosa, un'alleanza a tutela delle vittime di violenza

Una numerosa rappresentanza dell'Ordine degli Avvocati, dell'Arma Dei Carabinieri e del Servizio Sanitario Nazionale si è riunita alla Fondazione L.E.M. per una giornata di studio organizzata dalla Commissione pari opportunità del consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Livorno dal titolo "Codice Rosa, un'alleanza a tutela delle vittime di violenza". Durante l'incontro sono stati presentati ed esaminati i profili di questo nuovo strumento di coordinamento fra ospedale, Procura e forze dell'ordine, di recente introduzione anche presso le strutture della nostra città.

Hanno partecipato in qualità di relatori il sostituto procuratore Fiorenza Marrara, la responsabile dei consultori e Codice Rosa dell'A.S.L. Livorno, l'avvocata Francesca Galiuto, componente CPO Ordine Avvocati Livorno, Stefano Bricca, comandante del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Livorno, e Alessandra Chelucci, psicoterapeuta responsabile assieme alla Dott.ssa Donatella Piro del Centro di Psicologia Forense di Livorno. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Da IL TIRRENO del 20.10.2014. Leggi qui l'articolo.

20 Ottobre 2014 - Fondazione L.E.M. - Livorno Euro Mediterranea, P.zza Del Pamiglione 1/2, Livorno - Relatori: Alessandra Chelucci

PROFESSIONI ALLA RIBALTA DUE DONNE ALLA GUIDA DEL CENTRO CITTADINO

LIVORNO UNA SFIDA tutta al femminile che parla livornese e che proietta la nostra città in ambito anche internazionale: è il Centro di Psicologia Forense e Psicoterapia. Il centro si trova sugli Scali D'Azeglio ed è nato dal progetto di due professioniste livornesi, Alessandra Chelucci, 47 anni, livornese, psicologa e psicoterapeuta, e Donatella Piro, 38 anni anche lei psicologa e psicoterapeuta. La dottoressa Chelucci si avvale della specializzazione in Schema Therapy, un approccio scientifico e professionale all'avanguardia per curare i disturbi più gravi della personalità, mentre la dottoressa Piro usa un approccio psicoanalitico.

IL CENTRO di psicologia forense ha compiuto un anno nel quale è stato impegnato in convegni e altre attività scientifiche importanti. Donatella Piro spiega perchè è nato e di cosa si occupa con la sua collega.
"Abbiamo fondato questo centro - spiega Donatella Piro affiancata da Alessandra Chelucci - perchè a Livorno mancava un centro che collegasse la psicologia al diritto. E così abbiamo pensato di mettere insieme le forze e fare questa scommessa che ha compiuto un anno pochi giorni fa."
Il vostro centro con chi lavora? "Lavoriamo con gli avvocati, con alcuni magistrati, abbiamo organizzato un convegno al quale ha partecipato la dottoressa Fiorenza Marrara. Facciamo perizie e consulenze su vicende giudiziarie, organizziamo convegni e stiamo puntando anche sulla formazione oltre ovviamente ad occuparci dei nostri pazienti."
Il bilancio di un anno? "Il bilancio è positivo - spiegano le due professioniste - è un settore poco conosciuto e noi puntiamo anche ad iniziative che portino in città attraverso convegni e dibattiti professionisti di calibro nazionale ed internazionale. Collaboriamo con la Procura e organizzeremo per l'autunno un convegno che approfondisca alcuni aspetti dei serial killer."
Oltre la Procura e l'Ordine degli Avvocati chi si rivolge al vostro centro? "In gran parte donne vittime di stalking. E' un'emergenza della società e anche nella nostra città si verificano purtroppo molti casi."
Gli obiettivi? "Proseguire il nostro impegno e rappresentare uno strumento professionale all'avanguardia. Lavoriamo anche in ambito minorile."

Per conoscere il centro e avere consulenze professionali è possibile rivolgersi ai numeri: 377/541.10.84 oppure 348/638.80.35.




12 Aprile 2014 - LA NAZIONE, Cronaca Livorno, pag.9 - Giornalista: Maria Nudi

Nuove forme dell’ascolto del minore: la ratifica in legge della Convenzione di Lanzarote

La scelta del tema vuole mettere in risalto le problematiche relative all’ascolto del minore in ambito penale, evidenziando le nuove disposizioni previste dalla ratifica in legge della Convenzione di Lanzarote (leg. 172/2012). Il cambiamento nella procedura di ascolto del minore riguarda il rendere obbligatorio, e non più a discrezione dei magistrati, l’ausilio dell’esperto psicologo in ogni fase del procedimento penale. La novità maggiore è la presenza dello psicologo fin dalle prime battute, nel momento della denuncia da parte del minore. Queste modifiche della procedura sono pensate per salvaguardare il minore da ulteriori traumi, come ascolti ripetuti con persone diverse, ed assicurare una conduzione del colloquio che sia il più possibile in sintonia con la fase evolutiva e le capacità cognitive del bambino.

L’obiettivo del convegno è riuscire a convogliare le diverse professionalità coinvolte (giuridiche e psicologiche) in un lavoro di equipe volto sia alla tutela del minore che al raggiungimento della verità giuridica. Con questo evento si mira a stimolare una concreta attuazione delle nuove disposizioni legislative nella realtà livornese.

Programma della giornata

9:00 Registrazione dei partecipanti
9:30 Apertura del seminario e saluti alle autorità
Chairperson: Donatella Piro
10:00 Antonio Pirato Ratifica in legge della Convenzione di Lanzarote e le sue implicazioni nell'incidente probatorio
10:30 Paolo Capri L'ascolto del minore nelle perizie in ipotesi di abuso sessuale
11:00 Coffee Break
Chairperson: Alessandra Chelucci
11:20 Anita Lanotte Ascolto del minore: riflessioni dopo Lanzarote
11:50 Fiorenza Marrara Audizione del minore e ruolo del Pubblico Minitero. Illustrazione del Protocollo di Intesa tra Procura della Repubblica di Livorno, ASL 6 di Livorno e forze dell'ordine
12:20 Paola Gibbini Cambiamenti nella procedura di ascolto del minore dopo Lanzarote: il lavoro della Polizia Giudiziaria
13:00 Pausa pranzo
Chairperson: Donatella Piro
14:30 Federico Procchi La difesa del minore dopo la ratifica in legge della Convenzione di Lanzarote: cosa cambia?
15:00 Tavola Rotonda Verso l'integrazione delle competenze: come attuare le modifiche legislative apportate dalla legge 172 in un lavoro di equipe. PARTECIPANO: Alessandra Chelucci, Donatella Piro, Fiorenza Marrara, Antonio Pirato, Federico Procchi, Paola Gibbini e Sandra Vannoni
16:30 Dibattito INTERVENGONO: Paolo Capri, Alessandra Chelucci, Paola Gibbini, Anita Lanotte, Fiorenza Marrara, Antonio Pirato, Donatella Piro, Federico Procchi e Sandra Vannoni


31 Gennaio 2014 - Villa Anderson, Via Roma 234, Livorno - Relatori: Alessandra Chelucci, Donatella Piro